9 dicembre 2020

Obbligatorio l’utilizzo del Common Audit Reporting Tool per gli audit IATF dal 1° gennaio 2021.

L’International Automotive Taskforce, ha reso obbligatorio dal 1° gennaio 2021 l’utilizzo dello strumento di reporting CARA, Common Auditing Reporting Tool per le attività di audit in accordo allo standard IATF 16949:2016.

speed-1249610_1920.jpg

Lo scenario

Per diversi anni l’International Automotive Taskforce ha discusso le questioni relative alle oltre 40 differenti modalità di documentare un audit di certificazione in accordo allo standard internazionale IATF 16949:2016. Gli organismi riconosciuti da IATF non solo avevano una struttura e un livello di dettaglio diversi nei loro rapporti di audit, ma anche il numero di documenti associati che formavano un "rapporto di audit" differente da un CB all'altro.

Cosa succede da gennaio 2021?

A partire dal 1° gennaio 2021, tutti gli enti di certificazione riconosciuti da IATF e i loro auditor sono tenuti a utilizzare solo l'applicazione CARA per la pianificazione e la gestione degli audit e dunque per creare, modificare e condividere documenti sui rapporti di ispezione in modo standardizzato.

Il processo di audit non subirà sostanziali modifiche dal punto di vista dell’azienda in audit, se non l’introduzione di una base tecnica e quindi di un processo facilitato di collaborazione sui documenti di audit sulle non conformità tra le parti interessate e dunque tra azienda cliente e il revisore.

I vantaggi di CARA

Un rapporto di audit comune riduce la variazione e la complessità tra report differenti e quindi gli sforzi e i costi dello schema di certificazione IATF 16949. Alcuni dei vantaggi sono i seguenti:

  • Le parti interessate (inclusi OEM, fornitori, enti di certificazione e revisori) possono comprendere e analizzare più facilmente le informazioni che un rapporto di audit contiene
  • Gli OEM che campionano i rapporti di audit sono in grado di navigare più facilmente nelle aree di loro interesse, trovando una struttura comune di informazioni
  • I fornitori che sono certificati da diversi enti di certificazione possono scambiarsi più facilmente le informazioni e comunicare in breve tempo quanto necessario agli organismi di certificazione
  • Gli auditor qualificati IATF potranno utilizzare un solo strumento comune e armonizzato e una struttura comune per documentare i risultati dell'audit.

Iscriviti alla Kiwa Newsletter per rimanere costantemente aggiornato sulle novità del gruppo, gli aggiornamenti normativi, gli sviluppi di mercato e i corsi in primo piano!

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione