30 luglio 2019

Food defense: gestire rischi e minacce nella filiera agroalimentare

Le frodi alimentari trovano spazio in catene di approvvigionamento sempre più allargate e globalmente distribuite e garantire che gli alimenti in commercio siano sani e sicuri è diventato un aspetto fondamentale per il mercato. Scopriamo come contrastare possibili rischi e minacce con la Food Defence.

daria-shevtsova-k_RYBedEvDw-unsplash.jpg

La circolazione di alimenti sani e sicuri e la garanzia della loro integrità, qualità e sicurezza sono diventati un aspetto essenziale per il mercato agroalimentare, perché in una filiera sempre più estesa e complicata, contribuiscono in modo significativo a preservare la salute ed il benessere dei cittadini e gli interessi sociali ed economici di un mercato genuino e trasparente. In questo senso, le politiche per prevenire e individuare le frodi alimentari, gli standard e le norme di riferimento in tema di Food Safety & Defense forniscono un contributo sempre più importante nel perseguimento degli obiettivi di contenimento dei rischi lungo tutta la filiera. La maggior parte delle frodi alimentari trovano infatti spazio in catene di approvvigionamento sempre più allargate e globalmente distribuite (e complicate da monitorare) e dalla tendenza alla fornitura ed acquisto di prodotti, semilavorati e materie prime alimentari a prezzi sempre più contenute. Si stima che i costi relativi alle frodi nell’industria alimentare mondiale siano circa di 30 miliardi di € ogni anno, incidenti che non solo minacciano i mercati interni in termini economici, ma compromettono la salute pubblica. A questo si aggiunge la crescente sensibilità del consumatore rispetto alle tematiche della sicurezza e qualità dei prodotti, che richiede all’industria alimentare sempre più consapevolezza e azioni di controllo e monitoraggio.

Frodi Alimentari: rischi e minacce per il mercato e il cittadino

Ma cosa si intende per frode alimentare? - La frode alimentare è un’azione intenzionale intrapresa da imprese o individui allo scopo di ingannare gli acquirenti e trarne un vantaggio indebito, in violazione della legislazione UE sulla filiera agroalimentare. Queste violazioni intenzionali possono anche costituire un rischio per la salute umana, animale o vegetale o per l'ambiente per quanto riguarda gli OGM e i prodotti fitosanitari.

Dalla fine del 2015, i membri della rete europea contro le frodi alimentari scambiano informazioni sulle potenziali violazioni intenzionali della legislazione nell'ambito del sistema di assistenza e cooperazione amministrativa (AAC). La relazione annuale riferita al 2018 riporta un numero pari a 234 segnalazioni di sospette frodi alimentari all'interno dell'UE. Ovviamente questo numero non rappresenta la totalità degli incidenti verificatisi nel mercato Europeo, ma può essere considerato un trend di riferimento per l’analisi correlata alle frodi alimentari.

Il più alto numero di segnalazioni viene registrato, nel 2018, in Europa Centrale, Germania e Francia in testa. Quanto ai settori specifici in cui le sospette frodi sono state segnalate sono principalmente il settore ittico, quello della carne e loro derivati.

La Food Defense nel mercato agroalimentare

Riconoscendo il potenziale aumento di rischi e minacce derivanti da casi di frodi alimentari, Global Food Safety Initiative ha stabilito requisiti normativi aggiuntivi per contenere i rischi e le minacce lungo la catena di approvvigionamento, garantendo in questo modo che i sistemi di produzione e distribuzione delle organizzazioni allineate agli standard rispettino requisiti di sicurezza e qualità. Questo si applica per esempio alle aziende certificate in accordo agli Standard del British Retail Consortium (BRC) dell’International Food Standard (IFS) o per esempio alla nuova edizione della norma FSSC 22000.

Certificazione Food Defense

La Certificazione in accordo allo Standard FDRC si rivolge a tutte le organizzazioni che operano nel settore della ristorazione pubblica e che si occupano della fornitura, preparazione, trasporto, distribuzione, somministrazione di alimenti e pasti nella ristorazione collettiva e commerciale.

Scopo del Disciplinare Tecnico FDRC, è quello di specificare i requisiti necessari per definire un Piano di Gestione della Food Defense, ovvero un piano per la gestione del rischio di adulterazioni intenzionali a carico dei prodotti alimentari somministrati, venduti e distribuiti dalle Imprese che operano nella filiera della Ristorazione Pubblica. Il Disciplinare Tecnico FDRC si applica all’interno del sistema gestionale, produttivo, logistico e distributivo delle Organizzazioni che operano a vario titolo, diretto e indiretto ed anche in outsourcing, nella filiera della Ristorazione Pubblica che si intende comprensiva sia della Ristorazione Collettiva che della Ristorazione Commerciale. 

Scopri di più >>

Iscriviti alla Kiwa Newsletter per rimanere costantemente aggiornato sulle novità del gruppo, gli aggiornamenti normativi, gli sviluppi di mercato e i corsi in primo piano!

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione