1 febbraio 2019

Mercitalia Logistic SpA ottiene la certificazione in accordo al nuovo standard UNI EN ISO 45001:2018

La prima società del Gruppo FS Italiane ad aver superato l’Audit per il passaggio al nuovo Standard UNI ISO 45001:2018 è Mercitalia Logistics SpA.

mercitalia.jpg

Mercitalia Logistics SpA è la prima società del Gruppo FS Italiane ad aver superato l’audit e ad ottenere la Certificazione in accordo alla norma UNI ISO 45001:2018, implementando dunque un Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza. Attraverso l’adozione del nuovo standard, il management della Società ha dimostrato il forte interesse verso temi come la Salute e la Sicurezza dei lavoratori con l’obiettivo di responsabilizzare tutti i livelli organizzativi considerando anche la partecipazione, la consultazione e il coinvolgimento dei loro fornitori nelle attività quotidiane. 

L’ottenimento della Certificazione UNI ISO 45001:2018 è stato possibile grazie al percorso avviato dall’azienda già dal 2016, che prevedeva l’adozione degli schemi UNI EN ISO 14001:2015 per il Sistema di Gestione Ambiente, e UNI EN ISO 9001:2015, per il Sistema di Gestione per la Qualità.

Kiwa Italia ha rilasciato a Mercitalia Logistics SpA il Certificato di Global Quality per l’integrazione dei tre Sistemi di Gestione e questo importante risultato conferma, inoltre, l’impegno del Polo Mercitalia nel raggiungere i più alti livelli di sicurezza.

La transizione alla nuova norma ISO 45001

La transizione dalla certificazione in accordo alla norma OHSAS 18001 al nuovo standard internazionale ISO 45001 pone sicuramente delle sfide importanti. Ma se pianificata, monitorata e gestita con estrema attenzione da sicuramente i suoi frutti, non solo alle organizzazioni ma anche ai dipendenti e tutti gli stakeholders, beneficiati da un sistema di gestione per la salute e la sicurezza al passo coi tempi.

L’implementazione di un sistema di gestione in accordo al nuovo standard ISO 45001, non solo si può rivelare una decisione strategica per un’organizzazione funzionale a supporto di iniziative legate alla sostenibilità, ma anche perché garantisce che dipendenti “in sicurezza” e sani aumentino allo stesso tempo la redditività. Le attività di alcune organizzazioni possono comportare il rischio di lesioni o di problemi di salute ad esse conseguenti o comportare gravi compromissioni fisiche per coloro che lavorano in azienda; di conseguenza è fondamentale che l’organizzazione elimini o riduca i suoi rischi adottando misure preventive appropriate. 

Per questo, l’implementazione del sistema di gestione in accordo alla norma ISO 45001 può tradurre le sue intenzioni in sistemi, processi e procedure che rafforzano l’impegno dell’organizzazione

Regole per la transizione

Il periodo concesso per la transizione di tutte le certificazioni BS OHSAS 18001 alla nuova ISO 45001 è di 3 anni a partire dal 12 Marzo 2018. Quindi, tutte le nuove certificazioni rilasciate secondo lo standard OHSAS 18001 durante il periodo di transizione, dovranno avere come data di scadenza quella ultima del periodo di migrazione: 11 Marzo 2021.

Pertanto fino alla data del 11 Marzo 2021, cioè entro i 3 anni dalla data di pubblicazione della norma ISO 45001, saranno valide sia le certificazioni emesse a fronte della Norma ISO 45001, sia le certificazioni emesse a fronte della BS OHSAS 18001.

Dopo l’11 Marzo 2021 le certificazioni BS OHSAS 18001 non godranno più di alcun riconoscimento e quindi eventuali certificazioni BS OHSAS 18001 ancora non transitate non saranno più valide. A partire dal 12 Marzo 2020, cioè dopo 2 (due) anni dalla data di pubblicazione della norma ISO 45001, sarà obbligatorio effettuare audit secondo i requisiti della nuova norma ISO 45001.

Qualora l’Organizzazione cliente non sia stata in grado di compiere la migrazione entro il termine del 11 marzo 2021, la transizione potrà avvenire con i seguenti criteri:

  • Entro 1 anno dalla scadenza del transitorio (11 marzo 2022), la transizione potrà avvenire mediante un audit in campo di durata almeno pari a quella di un rinnovo;
  • Oltre un anno dalla scadenza del transitorio (successivamente all’11 marzo 2022) sarà necessario un audit iniziale (stadio 1 + stadio 2) quindi si emetterà un nuovo certificato.

Nella gestione delle attività per la transizione alla nuova norma ISO 45001, Kiwa Cermet seguirà le regole internazionali riportate nel documento IAF MD 21:2018, scaricabile gratuitamente dal sito IAF: www.iaf.nu. In particolare:

  1. Per fare la transizione è necessario effettuare un audit presso il cliente (non sono ammesse transizioni documentali).
  2. La transizione potrà essere effettuata in occasione di un audit di rinnovo, sorveglianza o di un audit supplementare apposito per la transizione.

Cosa può fare Kiwa per Te

Kiwa Italia può effettuare, su richiesta, un preaudit finalizzato all’analisi degli scostamenti esistenti tra l’attuale Sistema di Gestione dell’Organizzazione e la nuova norma ISO 45001:2018. Tale servizio rappresenta un utile strumento a supporto dell’Organizzazione per agevolare la transizione alla nuova norma.

Kiwa Idea, società di Formazione del Gruppo Kiwa in Italia, organizza seminari e corsi a catalogo sulla nuova norma ISO 45001:2018 e su argomenti strettamente correlati a tale norma. Per una consultazione del calendario corsi completo e dei dettagli dei singoli corsi consulta la pagina dedicata!

Per informazioni ulteriori sui corsi e seminari citati 
scrivi a: info@kiwaidea.it