7 luglio 2020

Audit in remoto per le Certificazioni MSC e ASC: l’esperienza di Kiwa Italia nel settore ittico

Dopo solo due mesi di verifiche a distanza, Kiwa Italia conferma il successo degli Audit in remoto anche nel settore ittico, con le Certificazioni di pesca sostenibile MSC e ASC.

sebastian-pena-lambarri-YV593oyMKmo-unsplash.jpg

Le attività di audit in remoto, rese necessarie durante il periodo di Lockdown, si sono dimostrate un valore aggiunto per le attività di Certificazione e Ispezione di Kiwa Italia, grazie ad un’ottimizzazione dei tempi di audit e alla riduzione delle trasferte e dei relativi costi delle stesse.

Ha meritato inoltre particolare attenzione il suo risvolto positivo sull’ambiente. Infatti, la riduzione delle emissioni di CO2 dovuta alle limitazioni poste agli spostamenti, e il minor consumo di carta stampata, sostituita dagli strumenti digitali, hanno messo in luce la sostenibilità dell’intero processo.

Il successo è stato confermato anche in occasione del convegno online “QUALYSERVICES” dal titolo: “La certificazione della qualità durante l'emergenza COVID-19” organizzato da AITA (Associazione Italiana di Tecnologia Alimentare) nel quale Kiwa Italia ha avuto modo di presentare le sue attività in merito agli Audit in remoto per le Certificazioni MSC e ASC.

Dalla riflessione condivisa durante il convegno online è emerso infatti un quadro positivo per lo svolgimento operativo delle verifiche ispettive anche nel settore agroalimentare, attraverso strumenti di comunicazione digitale all’avanguardia, condivisione remota dei documenti, l’esecuzione a distanza dei test di rintracciabilità e bilanci di massa, grazie ai quali tutte le parti interessate hanno riconosciuto il forte potenziale e il valore aggiunto delle modalità impiegate.

Kiwa Italia e gli Standard MSC e ASC

Kiwa Italia, attraverso lo Standard MSC e ASC supporta le aziende nel garantire la tracciabilità dei prodotti certificati durante le diverse fasi che intercorrono lungo tutta la catena di approvvigionamento.

Entrambi gli schemi prevedono infatti per la commercializzazione e trasformazione del prodotto certificato, una serie di procedure per garantire la cosiddetta catena di custodia (CoC: Chain of Custody), ovvero garanzie sulla capacità dell’organizzazione di garantire che il prodotto trasformato e commercializzato provenga da filiere certificate ASC e/o MSC, attraverso procedure di identificazione e rintracciabilità.

Questo permette agli operatori del settore di agire in modo sostenibile e di ridurre al minimo gli impatti ambientali e sociali provocati dalle loro attività, contrastando la pesca non dichiarata e non regolamentata.

Scopri di più

Iscriviti alla Kiwa Newsletter per rimanere costantemente aggiornato sulle novità del gruppo, gli aggiornamenti normativi, gli sviluppi di mercato e i corsi in primo piano!

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione